• Presentazione del progetto
  • Presentazione del progetto
Posted by

Presentazione del progetto

Il sistema Cycling-HMR People Mover rappresenta il modo più semplice per risolvere i problemi viabilistici oltre che di trasporto pubblico urbano per una metropoli sull’orlo della congestione totale. La realizzazione di un Metro Leggero sospeso a monorotaia lungo percorsi circolari e concentrici entro la città consente, infatti, di velocizzare il trasporto pubblico, intersecare con minime perdite di tempo l’esistente sistema radiale e delle linee sotterranee, di alleggerire il traffico gommato ampliando flusso e deflusso e insieme guadagnare spazi alle soste. Inoltre, nella fattispecie del presente progetto © in particolare, di affiancare alla struttura una pista ciclabile sopraelevata in grado di far fronte a tutte le esigenze alternative, sportive, e di trasferimento locale.

Come tutte le metropoli ad elevata penetrazione di traffico, Milano, pur possedendo una rete pubblica sostanzialmente all’altezza, soffre il flusso continuo ed incessante del trasporto gommato civile e commerciale proveniente non solo dalla provincia ma dall’intera regione unitamente all’assedio dei mezzi pesanti lungo le direttrici esterne; per di più tale effetto si rivela concomitante all’impossibilità a definire sbocchi diversificati, stante un urbanesimo cresciuto attorno al centro storico senza averne potuto ampliare, per i più diversi motivi, i canali di ricircolo oltre che in assenza di aree di sosta atte a favorire un piano sistematico di operatività come di deflusso organizzato.

E tutto ciò nonostante l’avviamento di successive e molteplici azioni di decentramento funzionale e di strutturazioni operative per larga parte armonizzate tra servizi e territorio.

A questo punto, allora, vigenti:

  • l’impossibilità a ripristinare antiche o a realizzare nuove vie d’acqua risolutive all’interno della cerchia dei Navigli così come entro quella dei Bastioni o della Circonvallazione;
  • gli eccessivi costi, oltre che le lunghe cantierizzazioni, riferibili alla realizzazione di trasporti diretti (pesanti) in rilevato, comunque dotati d’elevato impatto da consolidazione preventiva del suolo; e questo al di là delle programmate reti sotterranee interne, ormai giunte al plafond strutturale;
  • la necessità di facilitazione e allargamento alla viabilità per le aree esterne e le fasce circolari prospicienti la zona Ecopass, tenuto conto del continuo incremento del traffico, decentrato dalle direttrici interne, nonché delle conseguenti esigenze di parcheggio;
  • il fatto che lungo i percorsi circolari dei Bastioni e della Circonvallazione si realizzano alcuni tra i rallentamenti di traffico più significativi di Milano (convergendo sulle 2 linee il 30-35% del traffico esterno alla zona Ecopass)

si propone, quale unica soluzione realmente risolvente, l’utilizzo libero e disponibile delle vie semi-aeree urbane a percorso circolare, le sole in grado di consentire un disegno armonico minimale, progettualmente mirato, sostituendo il trasporto pubblico di superficie, rallentato e rallentante, con un sistema a più livelli atto a garantire:

  • miglioramento dello scorrimento e della viabilità generali;
  • aumento della velocità media degli automezzi nel circuito urbano e para-urbano;
  • aumento e/o riorganizzazione delle aree di parcheggio momentaneo;
  • rinnovo e velocizzazione del trasporto pubblico;
  • creazione di piste ciclabili sopraelevate polifunzionali (anche a fini di movimento casa-lavoro).

Tale progetto comporta la realizzazione di sistemi monorotaia bidirezionali sopraelevati (+ 9m) automotori elettrici, lungo le cerchie dei Bastioni e della Circonvallazione (in sostituzione delle attuali linee filo-tramviarie) comportanti, lungo la superficie terminale (∆ = 4.2 m), la creazione di una pista ciclabile ad afflusso regolato dalle Stazioni della Monorotaia.

 

Il sistema prevede la rimozione graduale delle strutture esistenti con installazione di linee aree sospese a sostegni trabeati a basso impatto al suolo (40 t ogni 50 m) in grado di sostenere sia il sistema di trasporto pubblico sia la struttura portante delle piste ciclabili (secondo gli schemi di principio indicati nelle figure a seguire) a mezzo degli standard funzionali esposti nel seguito della presente relazione.

0 Commenti disabilitati 1761 14 settembre, 2013 HMR Cycling settembre 14, 2013

About the author

View all articles by admin

Progetto HRM Cycling

Cerca

SPONSOR

SPONSOR