Sicurezza e Security
Posted by

Sicurezza e Security

SICUREZZA e SECURITY

La sicurezza può essere definita come la conoscenza che l’evoluzione di un sistema non produrrà stati indesiderati, ovvero, più semplicemente, come la coscienza del fatto che una certa azione non provocherà dei danni. Il presupposto della conoscenza è fondamentale da un punto di vista epistemologico poiché un sistema può evolversi senza dar luogo a stati indesiderati, ma non per questo esso può essere ritenuto sicuro. Solo una conoscenza di tipo scientifico, basata quindi su osservazioni ripetibili e organizzate, può garantire una valutazione sensata della sicurezza.

La sicurezza totale si ha in assenza di pericoli. In senso assoluto, si tratta di un concetto difficilmente traducibile nella vita reale anche se l’applicazione delle norme di sicurezza rende più difficile il verificarsi di eventi dannosi e d’incidenti traducendosi sempre in una migliore qualità della vita.

image001

 

 

Nella vita quotidiana o nell’attività di un sistema organizzato, per migliorare la sicurezza, diminuire la possibilità d’infortuni e incidenti (aumentando nel contempo la probabilità di risolvere favorevolmente ogni situazione d’emergenza) sono necessarie azioni preventive adeguate, che includono:

 

  • analisi dei rischi;
  • formazione delle persone addette alla sicurezza;
  • organizzazione accurata dell’intervento comportante l’azione di messa in sicurezza;
  • organizzazione/formazione primo soccorso;
  • dotazioni strumentali appropriate (abbigliamento, dispositivi di protezione individuale, dispositivi di controllo, telerilevamento e telesoccorso, materiale per il pronto soccorso);
  • controllo periodico dei dispositivi di rilevamento (gas, incendio, armi, esplosivi e/o comunque prodotti aggressivi), delle vie di fuga e del piano di evacuazione nei locali a rischio;
  • controllo periodico degli impianti elettrici, con particolare riferimento all’efficienza dei dispositivi di apertura per sovraccarico e per dispersione e alla verifica dell’impianto di messa a terra;
  • controllo periodico di filtri e prese d’aria negli impianti di aerazione e condizionamento;
  • controllo e revisione periodica dei veicoli;
  • custodia accurata e proporzionata al rischio di ciascun dispositivo e del materiale pericoloso, tossico o nocivo.

 

A livello internazionale esistono 3 termini per definire i concetti di sicurezza: safetysecurity ed emergency.

 

  • safety: fa riferimento all’incolumità della persona (ad es. la lotta al terrorismo); l’incolumità va intesa non solo dai danni fisici ma anche da quelli morali, spirituali e indiretti.
  • security: ha più un significato di cultura, di studio e gestione della sicurezza per la realizzazione di misure per la prevenzione. Tali misure possono essere materiali e infrastrutturali, ma soprattutto formative ed informative, atte a far conoscere il rischio e quindi evitare il pericolo.
  • emergency: fa riferimento a tutte quelle attività di sicurezza personali e sociali che devono essere messe in atto nel caso il compito della security non sia sufficiente. L’emergency riguarda quindi la protezione e il contenimento del pericolo. Strutture che operano per fare sicurezza in senso di emergency (soccorso) sono la Polizia, i Vigili del Fuoco, il Pronto Soccorso, la Protezione Civile oltre ai Corpi di Vigilanza Privati adibiti a titolo ausiliario e funzionale nell’ambito di strutture organizzate limitate arealmente (Internal Security).

 

image002

 

 

Scienza della Sicurezza: coscienza e percezione

La conoscenza e la coscienza del rischio sono il primo passo verso la sicurezza.

Sovente il singolo o la comunità sono al corrente della presenza di taluni rischi in quanto ne sono stati informati; e tuttavia, quel che spesso viene a mancare, è la percezione e la coscienza del rischio reale; per dare un esempio, è possibile dire ai bambini di non mettere la mano sul fuoco, ma se almeno una volta non ne fanno esperienza non hanno la giusta percezione e coscienza.

Esistono, al contrario, delle esperienze irreversibili come gli incidenti stradali; non è consigliabile, infatti, provare a correre guidando in stato di ebbrezza per essere coscienti del rischio reale, in quanto il danno fisico, sociale, morale ed economico che ne deriva potrebbe rivelarsi irrecuperabile.

La percezione del rischio, in ogni caso, coinvolge dei meccanismi di tipo psicologico: in genere la mente umana tende a valutare come più rischiose le situazioni che comportano una maggiore gravità (ovvero le situazioni che possono provocare la morte) mentre tende a valutare come meno rischiose le situazioni a cui è associata una gravità minore (ad es. le situazioni che possono provocare un danno fisico non irreversibile).

Un ulteriore meccanismo psicologico che altera la percezione del rischio è quello per cui generalmente si valutano come meno rischiose le condizioni di cui si ha il controllo: ad es. in genere una persona tende ad essere meno preoccupata se è la persona stessa a guidare rispetto alla situazione in cui l’autista è una seconda persona.

La Scienza della sicurezza, quindi, con le sue pianificazioni e determinazioni, non tiene conto della percezione del rischio bensì della percezione del rischio reale.

 

image003

 

Percezione della Sicurezza.

 

Il ciclo della sicurezza

 

Il ciclo della sicurezza è un ciclo virtuoso composto da 3 momenti:

 

L’analisi, che comprende lo studio legislativo, normativo, ambientale, personale, professionale, delle attività e dei processi.

Le misure, che prevedono 2 grandi famiglie: quelle relative alla prevenzione e quelle relative alla protezione. Le misure possono essere attive, passive, strutturali, impiantistiche, amministrative o disciplinari.

La gestione: è la parte che deve mantenere in vita la sicurezza con approfondimenti aggiornamenti, formazione, informazione, manutenzione, verifiche, esercitazioni, piani di sicurezza e adeguamenti.

Il miglioramento della sicurezza deve fondarsi su basi tecniche, normative, con confronti con altre realtà e non soltanto dopo l’analisi e lo studio di un evento.

Il rischio viene definito come combinazione di probabilità e di gravità (severità) di possibili lesioni o danni alla salute, in una situazione pericolosa; la valutazione del rischio consiste nella valutazione globale di tali probabilità e gravità; tutto allo scopo di scegliere le adeguate misure di sicurezza.

 

image004

 

 

Ad es., nella valutazione degli scenari evolutivi possibili di un territorio, quali l’analisi di problematiche di carattere ambientale, il rischio è un valore definito dal prodotto:

 

R = P Vu Val

 

dove P è la pericolosità dell’evento in analisi, ovvero la probabilità che un fenomeno accada in un determinato spazio con un determinato tempo di ritornoVu è lavulnerabilità, ovvero l’attitudine di un determinato elemento a sopportare gli effetti legati al fenomeno pericoloso (ad es. nel caso di rischio sismico la capacità di un edificio a resistere all’effetto dello scuotimento) e Val è il valore che l’elemento esposto al pericolo assume in termini di vite umane, economici, artistici, culturali o altro.

 

I passi del Processo di Gestione del rischio (sociale, economico,

 

I passi successivi della gestione di un rischio sono così descritti:

 

  • stabilire il contesto;
  • identificare i rischi;
  • analizzare i rischi;
  • valutare i rischi;
  • controllare i rischi.

 

Spesso il passo controllare i rischi viene diviso in una fase di preparazione ed approvazione del Piano di azione dei rischio (Risk Action Plan) ed in una fase di esecuzione, controllo e modifica del Piano (Risk Control Plan).

In parallelo col processo centrale sono richieste doti di comunicazione e di consultazione. Monitorare e revisionare è parte intrinseca del processo in modo da assicurare che venga eseguito tempestivamente; l’identificazione, l’analisi, la valutazione e il controllo sono sempre aggiornati.

La gestione del rischio è quindi un processo ricorsivo, soggetto ad aggiornamenti, e non si esaurisce nell’identificazione iniziale del rischio.

 

Stabilire il contesto

 

Stabilire il contesto include pianificare il residuo del processo, l’identità e lo scopo sono fondamentali, le basi sulle quali il rischio sarà valutato e definire lo scheletro per il processo; ex ultimo l’agenda per l’identificazione e l’analisi.

 

Identificare i rischi

 

Dopo aver stabilito il contesto, il passo successivo nel processo di controllo è quello di identificare i rischi potenziali. I rischi sono connessi a eventi che quando si verificano causano problemi. Pertanto l’identificazione del rischio può iniziare dalla causa dei problemi o dal problema stesso.

 

Analizzare e Valutare i rischi

 

  • Analisi della causa: la sorgente di rischio può essere interna od esterna al sistema oggetto della gestione del rischio. Esempi di sorgente di rischio sono: i partecipanti a un progetto, i dipendenti di una azienda oppure il tempo atmosferico nei cieli di un aeroporto.

 

  • Analisi del problema: i rischi sono collegati all’identificazione dei pericoli (o minacce). Ad es.: il pericolo di perdere denaro, il pericolo di violazione di informazioni riservate o il pericolo di incidenti od infortuni. Le minacce possono essere correlate a vari soggetti, le più importanti sono connesse con gli azionisti, i clienti e le autorità governative.

 

Quando sono note le origini o i problemi, l’evento che un’origine può attivare o l’evento che può condurre ad un problema possono essere oggetto di approfondimento. Ad es., i soci che partecipano a un progetto che si ritirano durante lo svolgimento dello stesso possono mettere in pericolo il finanziamento del progetto; informazioni riservate possono essere sottratte dai dipendenti autorizzati anche se la rete informatica è protetta da intrusioni esterne; un fulmine può colpire un elicottero durante il decollo e ferire tutti i passeggeri a bordo. Il metodo per identificare i rischi può dipendere dalla cultura, dalla pratica d’industria e dalla accondiscendenza. I metodi d’identificazione sono formati da template o dallo sviluppo di template per l’identificazione della sorgente, problema o evento. I più comuni metodi di identificazione del rischio, allora, sono:

 

  • Basati su obiettivi: le organizzazioni e i team di progetto hanno degli obiettivi. Ogni evento che può mettere in pericolo l’acquisizione parziale di un obiettivo è identificato come rischio.
  • Basati sullo scenario: nell’analisi dello scenario vengono creati differenti scenari. Gli scenari possono essere l’alternativa per acquisire un obiettivo, o una analisi dell’interazione di forze ( ad es. in una battaglia di marketing).

 

Ogni evento che attiva uno scenario alternativo indesiderato, di conseguenza, viene identificato come un rischio.

 

image005

 

Ecco il motivo per cui anche le progettualità dei sistemi, delle strutture e della loro funzionalità interattiva con l’ambito umano e sociale sono soggette, tratto per tratto, metodo per metodo, scelta per scelta, ad un’uniformità d’indirizzo centrata sulla Sicurezza.

Sicurezza come vita, innanzitutto; e cultura della continuità civile.

image006

 

TUTTE LE PROPOSTE DI ALTAVIAMILANO EMERGONO DA UNA CREATIVITA’ CHE PONE ALLA BASE DEL PROGETTO-IDEA LA SICUREZZA TOTALE.

DELL’UOMO PER L’UOMO.

 

A RAGIONE DI TALI SCELTE OGNI ACCESSO PUBBLICO E PRIVATO, COSI’ COME DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZA DEL SISTEMA COLLEGATO ALLE STRUTTURE PROGETTATE DA ALTAVIAMILANO, E’ REGOLATO DALL’UTILIZZO DI DISPOSITIVI ANTITERRORISMO.

 

image007

0 Commenti disabilitati 2513 20 settembre, 2013 ALTAPEDIA, Sicurezza settembre 20, 2013

About the author

View all articles by admin
  • In estate la seggiovia in funzione a Valprato, indetto il bando per il ... - La Sentinella del Canavese 25 marzo 2017
    La Sentinella del CanaveseIn estate la seggiovia in funzione a Valprato, indetto il bando per il ...La Sentinella del CanaveseAdesso, il nuovo rifugio escursionistico e la seggiovia biposto, anch'essa nuova di zecca benché sia stata ultimata oltre due anni fa (non è mai entrata in funzione) sono pronti per accogliere i turisti a partire dall'estate […]
  • Pescocostanzo. 702.381,38 euro per la seggiovia di Valle Fura - Giornale di Montesilvano 24 marzo 2017
    Giornale di MontesilvanoPescocostanzo. 702.381,38 euro per la seggiovia di Valle FuraGiornale di MontesilvanoLa Giunta regionale, riunita oggi alla presenza del Presidente Luciano D'Alfonso e degli assessori Marinella Sclocco, Silvio Paolucci e Andrea Gerosolimo, ha approvato una delibera riguardante la concessione di un finanziamento di 702.381,38 euro […]
  • Le immagini dei soccorsi ai turisti rimasti bloccati sulla seggiovia - La Stampa 18 marzo 2017
    La StampaLe immagini dei soccorsi ai turisti rimasti bloccati sulla seggioviaLa StampaOggi a Monetier mel comprensorio di Serre Chevalier si è bloccata per guasto la seggiovia Eychaud, veloci comunque le operazioni di soccorso dei tecnici, aiutati anche da un elicottero della gemdarmerie. Entro un'ora le prime persone venivano calate ...
  • Domani riparte la seggiovia di Prato Nevoso, bloccata dal vento - La Repubblica 7 marzo 2017
    La RepubblicaDomani riparte la seggiovia di Prato Nevoso, bloccata dal ventoLa RepubblicaDomani riparte la seggiovia di Prato Nevoso, bloccata dal vento (ansa) La seggiovia del Rosso di Prato Nevoso e il relativo collegamento con Artesina, dove ieri 130 sciatori sono rimasti bloccati a causa di una improvvisa bufera di vento, tornerà ...
  • Tromba d'aria colpisce la seggiovia, sciatori bloccati dal vento a ... - La Stampa 7 marzo 2017
    La StampaTromba d'aria colpisce la seggiovia, sciatori bloccati dal vento a ...La StampaLe cattive condizioni atmosferiche hanno intrappolato ieri sulla seggiovia di Prato Nevoso, nella provincia di Cuneo, 130 sciatori. Solo con l'aiuto del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese sono riusciti a tornare a terra. “Vogliamo ringraziare ...Tromba d […]
  • Soccorso in seggiovia con vento a 140 km/h: l'impressionante video ... - Emergency Live Italia (Comunicati Stampa) (Blog) 7 marzo 2017
    Emergency Live Italia (Comunicati Stampa) (Blog)Soccorso in seggiovia con vento a 140 km/h: l'impressionante video ...Emergency Live Italia (Comunicati Stampa) (Blog)I primi ringraziamenti che fanno, gli operatori del Soccorso Alpino di Mondovì, sono ai turisti bloccati in seggiovia. Si, perché essere cooperativi e non perdere la calma quando la seggiov […]
  • Prato Nevoso, sciatori sulla seggiovia in balia del vento salvati dal ... - La Repubblica 7 marzo 2017
    La RepubblicaPrato Nevoso, sciatori sulla seggiovia in balia del vento salvati dal ...La RepubblicaUn intervento in situazione critica ha permesso agli uomini del Soccorso Alpino di Prato Nevoso di portare in salvo un gruppo di sciatori bloccati a bordo della seggiovia in balia di forti raffiche di vento. "La collaborazione e il coraggio degli ...
  • Prato Nevoso, 130 sciatori bloccati sulla seggiovia - La Repubblica 6 marzo 2017
    La RepubblicaPrato Nevoso, 130 sciatori bloccati sulla seggioviaLa RepubblicaPrato Nevoso, 130 sciatori bloccati sulla seggiovia La foto della seggiovia bloccata pubblicata dal sito Unionemonregalese.it Venti tempestosi, con raffiche fino a 134 km orari, hanno spazzato la provincia di Cuneo, in Piemonte: paura su una seggiovia ...et plus encore »
  • Guasto al cavo della seggiovia di Pramollo, sciatori appesi nel vuoto ... - Il Piccolo 2 marzo 2017
    Il PiccoloGuasto al cavo della seggiovia di Pramollo, sciatori appesi nel vuoto ...Il PiccoloL'impianto, a sei posti, è stato fermato. Le ventuno persone a bordo portate in salvo dal soccorso alpino: spaventate ma senza alcuna conseguenza.Esce un cavo dalla seggiovia: 21 sciatori soccorsi - Diario di UdineDiario di Udine2 autres articles »
  • Gran Sasso: il Ministero dispone ulteriori verifiche sulle Fontari ... - News Town (Comunicati Stampa) (Blog) 2 marzo 2017
    News Town (Comunicati Stampa) (Blog)Gran Sasso: il Ministero dispone ulteriori verifiche sulle Fontari ...News Town (Comunicati Stampa) (Blog)Prima, l'apertura - assai ritardata - della stazione sciistica; poi, la chiusura per due giorni della seggiovia delle Fontari per la revisione dei dispositivi di aggancio ...Fontari, seggiovia chiude per ulteriori […]
  • «Solo l'Assemblea può decidere sui compensi» - Malcesine - L'Arena - L'Arena 29 marzo 2017
    L'Arena«Solo l'Assemblea può decidere sui compensi» - Malcesine - L'ArenaL'ArenaNé il Consiglio di amministrazione, né il direttore della Funivia di Malcesine hanno competenza sui compensi. Quindi né l'uno, né l'altro possono decidere in ...et plus encore »
  • Ultimo sci in Marmolada: dal museo sulla funivia alla terrazza gourmet - Dove Viaggi 28 marzo 2017
    Dove ViaggiUltimo sci in Marmolada: dal museo sulla funivia alla terrazza gourmetDove ViaggiLa regina delle Dolomiti è anche la più alta cima delle Dolomiti (3.342 m), Patrimonio Naturale dell'Umanità Unesco, e palestra ideale per gli amanti dello sci: la salita in funivia (e il panorama a 360 gradi) è di quelli da togliere il fiato. Poi ci ...Arabba 20 […]
  • Funivia: nuove cabine e nuovi sistemi di sicurezza, riapertura attesa ... - SMTV San Marino 24 marzo 2017
    SMTV San MarinoFunivia: nuove cabine e nuovi sistemi di sicurezza, riapertura attesa ...SMTV San MarinoTra Città e Borgo Maggiore gli operai sono al lavoro per collaudare le nuove cabine della funivia. Si tratta della manutenzione ventennale dell'impianto cominciata a inizio gennaio. Un intervento costato circa 1 milione e 900mila euro. Oltre alla ...Fu […]
  • MARMOLADA. Riapre la funivia nostalgica Fedaia-Marmolada - MountainBlog (Comunicati Stampa) (Blog) 24 marzo 2017
    MountainBlog (Comunicati Stampa) (Blog)MARMOLADA. Riapre la funivia nostalgica Fedaia-MarmoladaMountainBlog (Comunicati Stampa) (Blog)La funivia nostalgica Fedaia–Marmolada, a Canazei (TN), in Val di Fassa, da molti anche chiamata cestovia, riaprirà il 1° aprile e rimarrà aperta tutti i giorni fino al 1° maggio 2017 dalle ore 8.30 alle ore 17.00. La stazione […]
  • Meleo annuncia la funivia mentre la sindaca è in montagna: l'ironia ... - RomaToday 23 marzo 2017
    RomaTodayMeleo annuncia la funivia mentre la sindaca è in montagna: l'ironia ...RomaTodayL'assessore Meleo torna a parlare del progetto della funivia collegata alla metro A, ma la sindaca in questi giorni è in montagna. E l'ironia social si scatena. Prima dalle opposizioni con il commento su Twitter del consigliere Pd, Giulio Pelonzi, e ...Cam […]
  • Tram, funivia e ciclabili: come cambia Roma secondo l'assessore ... - Dire 22 marzo 2017
    DireTram, funivia e ciclabili: come cambia Roma secondo l'assessore ...DireROMA – L'assessore alla Mobilità del Comune di Roma, Linda Meleo, ha rilasciato un'intervista esclusiva all'Agenzia DIRE. I temi affrontati? Dalla funivia di Casalotti alla ciclabile sulla Nomentana, dalla metro c ai nuovi tram, fino al parco autobus ...
  • "Funivia a Casalotti? Presto la presentazione. B1 a Bufalotta con ... - RomaToday 22 marzo 2017
    RomaToday"Funivia a Casalotti? Presto la presentazione. B1 a Bufalotta con ...RomaTodayMobilità, a che punto siamo? Intervistata dall'agenzia di stampa DIRE Linda Meleo, assessora alla mobilità, fa il punto sulla situazione raccontando dei progetti lanciati dai grillini che tanto hanno fatto notizia. Su tutti, neanche a dirlo, la funivia ...
  • La funivia si è rifatta il look - SMTV San Marino 22 marzo 2017
    SMTV San MarinoLa funivia si è rifatta il lookSMTV San MarinoRimosso l'involucro che la ricopriva fino a ieri, la cabina della funivia di San Marino mostra il suo nuovo look. Ferma già da tre mesi per i lavori di manutenzione straordinaria, riaprirà il prossimo 22 aprile quando si prevede saranno ultimati i ...
  • La funivia più "ardita" di sempre che nella salita pietrificò anche lo ... - il Dolomiti 18 marzo 2017
    il DolomitiLa funivia più "ardita" di sempre che nella salita pietrificò anche lo ...il DolomitiOggi, mentre si parla del possibile progetto di unire Trento direttamente al Monte Bondone con un moderno impianto a fune, pochi si ricordano che una funivia decisamente avveniristica collegava già negli anni '50 la valle dell'Adige alla cima d […]
  • Tenerife, si blocca la funivia: passeggeri bloccati sul vulcano per ... - Il Messaggero 16 marzo 2017
    Il MessaggeroTenerife, si blocca la funivia: passeggeri bloccati sul vulcano per ...Il MessaggeroA causa di una avaria che ha bloccato la funivia del vulcano Teide a Tenerife, alle Canarie, 111 persone hanno dovuto passare la notte nei rifugi in cima alla montagna e da questa mattina iniziano ad essere evacuati per elicottero. L'incidente si è ...et plu […]