Sicurezza e Security
Posted by

Sicurezza e Security

SICUREZZA e SECURITY

La sicurezza può essere definita come la conoscenza che l’evoluzione di un sistema non produrrà stati indesiderati, ovvero, più semplicemente, come la coscienza del fatto che una certa azione non provocherà dei danni. Il presupposto della conoscenza è fondamentale da un punto di vista epistemologico poiché un sistema può evolversi senza dar luogo a stati indesiderati, ma non per questo esso può essere ritenuto sicuro. Solo una conoscenza di tipo scientifico, basata quindi su osservazioni ripetibili e organizzate, può garantire una valutazione sensata della sicurezza.

La sicurezza totale si ha in assenza di pericoli. In senso assoluto, si tratta di un concetto difficilmente traducibile nella vita reale anche se l’applicazione delle norme di sicurezza rende più difficile il verificarsi di eventi dannosi e d’incidenti traducendosi sempre in una migliore qualità della vita.

image001

 

 

Nella vita quotidiana o nell’attività di un sistema organizzato, per migliorare la sicurezza, diminuire la possibilità d’infortuni e incidenti (aumentando nel contempo la probabilità di risolvere favorevolmente ogni situazione d’emergenza) sono necessarie azioni preventive adeguate, che includono:

 

  • analisi dei rischi;
  • formazione delle persone addette alla sicurezza;
  • organizzazione accurata dell’intervento comportante l’azione di messa in sicurezza;
  • organizzazione/formazione primo soccorso;
  • dotazioni strumentali appropriate (abbigliamento, dispositivi di protezione individuale, dispositivi di controllo, telerilevamento e telesoccorso, materiale per il pronto soccorso);
  • controllo periodico dei dispositivi di rilevamento (gas, incendio, armi, esplosivi e/o comunque prodotti aggressivi), delle vie di fuga e del piano di evacuazione nei locali a rischio;
  • controllo periodico degli impianti elettrici, con particolare riferimento all’efficienza dei dispositivi di apertura per sovraccarico e per dispersione e alla verifica dell’impianto di messa a terra;
  • controllo periodico di filtri e prese d’aria negli impianti di aerazione e condizionamento;
  • controllo e revisione periodica dei veicoli;
  • custodia accurata e proporzionata al rischio di ciascun dispositivo e del materiale pericoloso, tossico o nocivo.

 

A livello internazionale esistono 3 termini per definire i concetti di sicurezza: safetysecurity ed emergency.

 

  • safety: fa riferimento all’incolumità della persona (ad es. la lotta al terrorismo); l’incolumità va intesa non solo dai danni fisici ma anche da quelli morali, spirituali e indiretti.
  • security: ha più un significato di cultura, di studio e gestione della sicurezza per la realizzazione di misure per la prevenzione. Tali misure possono essere materiali e infrastrutturali, ma soprattutto formative ed informative, atte a far conoscere il rischio e quindi evitare il pericolo.
  • emergency: fa riferimento a tutte quelle attività di sicurezza personali e sociali che devono essere messe in atto nel caso il compito della security non sia sufficiente. L’emergency riguarda quindi la protezione e il contenimento del pericolo. Strutture che operano per fare sicurezza in senso di emergency (soccorso) sono la Polizia, i Vigili del Fuoco, il Pronto Soccorso, la Protezione Civile oltre ai Corpi di Vigilanza Privati adibiti a titolo ausiliario e funzionale nell’ambito di strutture organizzate limitate arealmente (Internal Security).

 

image002

 

 

Scienza della Sicurezza: coscienza e percezione

La conoscenza e la coscienza del rischio sono il primo passo verso la sicurezza.

Sovente il singolo o la comunità sono al corrente della presenza di taluni rischi in quanto ne sono stati informati; e tuttavia, quel che spesso viene a mancare, è la percezione e la coscienza del rischio reale; per dare un esempio, è possibile dire ai bambini di non mettere la mano sul fuoco, ma se almeno una volta non ne fanno esperienza non hanno la giusta percezione e coscienza.

Esistono, al contrario, delle esperienze irreversibili come gli incidenti stradali; non è consigliabile, infatti, provare a correre guidando in stato di ebbrezza per essere coscienti del rischio reale, in quanto il danno fisico, sociale, morale ed economico che ne deriva potrebbe rivelarsi irrecuperabile.

La percezione del rischio, in ogni caso, coinvolge dei meccanismi di tipo psicologico: in genere la mente umana tende a valutare come più rischiose le situazioni che comportano una maggiore gravità (ovvero le situazioni che possono provocare la morte) mentre tende a valutare come meno rischiose le situazioni a cui è associata una gravità minore (ad es. le situazioni che possono provocare un danno fisico non irreversibile).

Un ulteriore meccanismo psicologico che altera la percezione del rischio è quello per cui generalmente si valutano come meno rischiose le condizioni di cui si ha il controllo: ad es. in genere una persona tende ad essere meno preoccupata se è la persona stessa a guidare rispetto alla situazione in cui l’autista è una seconda persona.

La Scienza della sicurezza, quindi, con le sue pianificazioni e determinazioni, non tiene conto della percezione del rischio bensì della percezione del rischio reale.

 

image003

 

Percezione della Sicurezza.

 

Il ciclo della sicurezza

 

Il ciclo della sicurezza è un ciclo virtuoso composto da 3 momenti:

 

L’analisi, che comprende lo studio legislativo, normativo, ambientale, personale, professionale, delle attività e dei processi.

Le misure, che prevedono 2 grandi famiglie: quelle relative alla prevenzione e quelle relative alla protezione. Le misure possono essere attive, passive, strutturali, impiantistiche, amministrative o disciplinari.

La gestione: è la parte che deve mantenere in vita la sicurezza con approfondimenti aggiornamenti, formazione, informazione, manutenzione, verifiche, esercitazioni, piani di sicurezza e adeguamenti.

Il miglioramento della sicurezza deve fondarsi su basi tecniche, normative, con confronti con altre realtà e non soltanto dopo l’analisi e lo studio di un evento.

Il rischio viene definito come combinazione di probabilità e di gravità (severità) di possibili lesioni o danni alla salute, in una situazione pericolosa; la valutazione del rischio consiste nella valutazione globale di tali probabilità e gravità; tutto allo scopo di scegliere le adeguate misure di sicurezza.

 

image004

 

 

Ad es., nella valutazione degli scenari evolutivi possibili di un territorio, quali l’analisi di problematiche di carattere ambientale, il rischio è un valore definito dal prodotto:

 

R = P Vu Val

 

dove P è la pericolosità dell’evento in analisi, ovvero la probabilità che un fenomeno accada in un determinato spazio con un determinato tempo di ritornoVu è lavulnerabilità, ovvero l’attitudine di un determinato elemento a sopportare gli effetti legati al fenomeno pericoloso (ad es. nel caso di rischio sismico la capacità di un edificio a resistere all’effetto dello scuotimento) e Val è il valore che l’elemento esposto al pericolo assume in termini di vite umane, economici, artistici, culturali o altro.

 

I passi del Processo di Gestione del rischio (sociale, economico,

 

I passi successivi della gestione di un rischio sono così descritti:

 

  • stabilire il contesto;
  • identificare i rischi;
  • analizzare i rischi;
  • valutare i rischi;
  • controllare i rischi.

 

Spesso il passo controllare i rischi viene diviso in una fase di preparazione ed approvazione del Piano di azione dei rischio (Risk Action Plan) ed in una fase di esecuzione, controllo e modifica del Piano (Risk Control Plan).

In parallelo col processo centrale sono richieste doti di comunicazione e di consultazione. Monitorare e revisionare è parte intrinseca del processo in modo da assicurare che venga eseguito tempestivamente; l’identificazione, l’analisi, la valutazione e il controllo sono sempre aggiornati.

La gestione del rischio è quindi un processo ricorsivo, soggetto ad aggiornamenti, e non si esaurisce nell’identificazione iniziale del rischio.

 

Stabilire il contesto

 

Stabilire il contesto include pianificare il residuo del processo, l’identità e lo scopo sono fondamentali, le basi sulle quali il rischio sarà valutato e definire lo scheletro per il processo; ex ultimo l’agenda per l’identificazione e l’analisi.

 

Identificare i rischi

 

Dopo aver stabilito il contesto, il passo successivo nel processo di controllo è quello di identificare i rischi potenziali. I rischi sono connessi a eventi che quando si verificano causano problemi. Pertanto l’identificazione del rischio può iniziare dalla causa dei problemi o dal problema stesso.

 

Analizzare e Valutare i rischi

 

  • Analisi della causa: la sorgente di rischio può essere interna od esterna al sistema oggetto della gestione del rischio. Esempi di sorgente di rischio sono: i partecipanti a un progetto, i dipendenti di una azienda oppure il tempo atmosferico nei cieli di un aeroporto.

 

  • Analisi del problema: i rischi sono collegati all’identificazione dei pericoli (o minacce). Ad es.: il pericolo di perdere denaro, il pericolo di violazione di informazioni riservate o il pericolo di incidenti od infortuni. Le minacce possono essere correlate a vari soggetti, le più importanti sono connesse con gli azionisti, i clienti e le autorità governative.

 

Quando sono note le origini o i problemi, l’evento che un’origine può attivare o l’evento che può condurre ad un problema possono essere oggetto di approfondimento. Ad es., i soci che partecipano a un progetto che si ritirano durante lo svolgimento dello stesso possono mettere in pericolo il finanziamento del progetto; informazioni riservate possono essere sottratte dai dipendenti autorizzati anche se la rete informatica è protetta da intrusioni esterne; un fulmine può colpire un elicottero durante il decollo e ferire tutti i passeggeri a bordo. Il metodo per identificare i rischi può dipendere dalla cultura, dalla pratica d’industria e dalla accondiscendenza. I metodi d’identificazione sono formati da template o dallo sviluppo di template per l’identificazione della sorgente, problema o evento. I più comuni metodi di identificazione del rischio, allora, sono:

 

  • Basati su obiettivi: le organizzazioni e i team di progetto hanno degli obiettivi. Ogni evento che può mettere in pericolo l’acquisizione parziale di un obiettivo è identificato come rischio.
  • Basati sullo scenario: nell’analisi dello scenario vengono creati differenti scenari. Gli scenari possono essere l’alternativa per acquisire un obiettivo, o una analisi dell’interazione di forze ( ad es. in una battaglia di marketing).

 

Ogni evento che attiva uno scenario alternativo indesiderato, di conseguenza, viene identificato come un rischio.

 

image005

 

Ecco il motivo per cui anche le progettualità dei sistemi, delle strutture e della loro funzionalità interattiva con l’ambito umano e sociale sono soggette, tratto per tratto, metodo per metodo, scelta per scelta, ad un’uniformità d’indirizzo centrata sulla Sicurezza.

Sicurezza come vita, innanzitutto; e cultura della continuità civile.

image006

 

TUTTE LE PROPOSTE DI ALTAVIAMILANO EMERGONO DA UNA CREATIVITA’ CHE PONE ALLA BASE DEL PROGETTO-IDEA LA SICUREZZA TOTALE.

DELL’UOMO PER L’UOMO.

 

A RAGIONE DI TALI SCELTE OGNI ACCESSO PUBBLICO E PRIVATO, COSI’ COME DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZA DEL SISTEMA COLLEGATO ALLE STRUTTURE PROGETTATE DA ALTAVIAMILANO, E’ REGOLATO DALL’UTILIZZO DI DISPOSITIVI ANTITERRORISMO.

 

image007

0 Commenti disabilitati 2567 20 settembre, 2013 ALTAPEDIA, Sicurezza settembre 20, 2013

About the author

View all articles by admin
  • I sentieri del Cimone Bike Festival 2017 - MTB-VCO.COM 22 maggio 2017
    MTB-VCO.COMI sentieri del Cimone Bike Festival 2017MTB-VCO.COMSia sabato che domenica partirà un'escursione guidata con itinerario diverso, dai 20 ai 30 km di lunghezza, e contemporaneamente sarà aperta la seggiovia Stellaro per le risalite. Nel parterre dell'evento saranno presenti le aziende espositrici per i ...et plus encore »
  • Gamberale, orso goloso distrugge arnie: “No a seggiovia” - Rete8 19 maggio 2017
    Rete8Gamberale, orso goloso distrugge arnie: “No a seggiovia”Rete8“Non c'è posto per una nuova seggiovia a Gamberale”, comune nel Parco nazionale della Majella. È il parere dell'associazione “Salviamo l'Orso” Onlus che invita il Parco a ritirare il nulla osta rilasciato, sottolinea che l'area, dei Monti Pizzi, è ...Orso goloso si rimpinza […]
  • Espace San Bernardo, nel 2018 due nuove seggiovie e cinque ... - NEVEITALIA.IT 16 maggio 2017
    NEVEITALIA.ITEspace San Bernardo, nel 2018 due nuove seggiovie e cinque ...NEVEITALIA.ITIl comprensorio sciistico Espace San Bernardo si allargherà con nuovi impianti e piste da sci sul versante francese di La Rosière. Per dicembre 2018, infatti, è prevista la costruzione di due nuove seggiovie a sei posti sulle pendici del Mont Valaisan ...
  • Enduro, freeride e downhill: il Bike Park Pezzeda riapre - Giornale di Brescia 13 maggio 2017
    Giornale di BresciaEnduro, freeride e downhill: il Bike Park Pezzeda riapreGiornale di BresciaDecisiva per il decollo del parco dedicato agli amanti delle ruote grasse (le mtb nelle varianti da enduro, freeride oppure le estreme per la downhill) è stata la riapertura qualche anno fa della seggiovia una volta al servizio degli sciatori d'inverno ...et pl […]
  • Piano Battaglia, ennesimo stop: seggiovia inaugurata ma di nuovo ... - PalermoToday 13 maggio 2017
    PalermoTodayPiano Battaglia, ennesimo stop: seggiovia inaugurata ma di nuovo ...PalermoTodayMa il gestore dell'impianto, Gianni Fiore, presidente della Piano Battaglia srl, ha assicurato che tra la fine di maggio e l'inizio di giugno, la seggiovia tornerà in funzione. “C'erano alcune prescrizioni che l'Ustif ci ha richiesto – ha spiegato […]
  • Crissolo, sugli impianti Genre giunge a più miti consigli: “Disponibili ... - TargatoCn.it 11 maggio 2017
    TargatoCn.itCrissolo, sugli impianti Genre giunge a più miti consigli: “Disponibili ...TargatoCn.itPer quanto descritto formalmente comunichiamo a lei signor sindaco ed alle Signorie Vostre in indirizzo la nostra più ampia disponibilità a gestire la seggiovia di Crissolo, secondo gli indirizzi contenuti nella bozza approvata dal Consiglio comunale ...
  • Laceno, l'ultima risalita in seggiovia il 27 maggio - AvellinoToday (Comunicati Stampa) 3 maggio 2017
    AvellinoToday (Comunicati Stampa)Laceno, l'ultima risalita in seggiovia il 27 maggioAvellinoToday (Comunicati Stampa)La strada scelta dal Comune di Bagnoli Irpino che ha intimato ai concessionari delle aree e degli impianti di risalita del Laceno, la Giannoni, di rendere tutto senza calcolare i danni nell'immediato per l'economia della zona è […]
  • Salvataggio sulla seggiovia del Verena: esercitazione dei pompieri - Il Gazzettino 28 aprile 2017
    Il GazzettinoSalvataggio sulla seggiovia del Verena: esercitazione dei pompieriIl GazzettinoROANA - L'evacuazione di persone bloccate sulle seggiovie del Monte Verena di Roana, sul versante ovest delll'Altopiano di Asiago, ha rappresentato lo scenario d'intervento che ha affrontato nella mattinata di oggi il gruppo denominato 34 Saf (Speleo .. […]
  • Gran Sasso, il tempo è scaduto - Il Capoluogo.it 24 aprile 2017
    Il Capoluogo.itGran Sasso, il tempo è scadutoIl Capoluogo.it“Siamo vent'anni dietro agli altri” – spiega al Capoluogo Luigi Faccia, maestro di sci e attivista di Save Gran Sasso – e ormai siamo arrivati al capolinea: la seggiovia deve essere cambiata, basta una nevicata che cade il traliccio e si rimane senza ...et plus encore »
  • Le immagini dei soccorsi ai turisti rimasti bloccati sulla seggiovia - La Stampa 18 marzo 2017
    La StampaLe immagini dei soccorsi ai turisti rimasti bloccati sulla seggioviaLa StampaOggi a Monetier mel comprensorio di Serre Chevalier si è bloccata per guasto la seggiovia Eychaud, veloci comunque le operazioni di soccorso dei tecnici, aiutati anche da un elicottero della gemdarmerie. Entro un'ora le prime persone venivano calate ...
  • LA FUNIVIA DI VIRGINIA RAGGI - La Gazzetta dello Sport 23 maggio 2017
    La Gazzetta dello SportLA FUNIVIA DI VIRGINIA RAGGILa Gazzetta dello SportNon voglio aggiungere disappunto verso la funivia proposta da Virginia Raggi per superare il traffico fra due quartieri periferici romani e che già tanti sberleffi ha suscitato nei social. Forse la sindaca ha preso spunto da Calvino che nel saggio ...
  • Castellammare, slitta l'apertura della Funivia: probabilmente sarà ... - Cronache della Campania 23 maggio 2017
    Cronache della CampaniaCastellammare, slitta l'apertura della Funivia: probabilmente sarà ...Cronache della CampaniaL'apertura della Funivia del Faito avverrà dopo giugno, slittano quindi i tempi di consegna del cantiere della storica “panarella” che in otto minuti arriva sul Monte Faito. I lavori di adeguamento dell' impianto alle normative a […]
  • Funivia ancora stop, forti ritardi nei lavori: slitta ancora la riapertura - IlCorrierino.com 22 maggio 2017
    IlCorrierino.comFunivia ancora stop, forti ritardi nei lavori: slitta ancora la riaperturaIlCorrierino.comNiente funivia per il Faito, di ritardo in ritardo chi vuole salire in montagna dovrà aspettare inizio luglio. Cominciate le prove tecniche della “panarella” con alcune corse sperimentali per verificare i lavori ai pilastri, ma per tutto il mese di ...
  • Funivia Casalotti-Battistini, un po' di chiarezza - Radio Colonna 22 maggio 2017
    Radio ColonnaFunivia Casalotti-Battistini, un po' di chiarezzaRadio ColonnaIl progetto prevedeva la creazione di due nuove stazioni (Bembo e Torrevecchia) con un minimetro che avrebbe poi portato a Casal Selce, passando per Boccea. Ma al progetto – troppo esoso – è stata preferita proprio la funivia presentata il 16 maggio ...
  • Oropa: si blocca la funivia del santuario, soccorsi anche in elicottero - La Repubblica 21 maggio 2017
    La RepubblicaOropa: si blocca la funivia del santuario, soccorsi anche in elicotteroLa RepubblicaUn blackout, probabilmente causato dal guasto di un trasformatore, ha bloccato le funivie di Oropa, l'impianto a fune che collega il santuario in provincia di Biella al lago del Mucrone. Un centinaio le persone, tra cui alcune famiglie con bambini ...Guasto […]
  • Roma prova a rinnovarsi con la funivia - il Giornale 20 maggio 2017
    Roma prova a rinnovarsi con la funiviail GiornaleNo quella c'è ed è la funivia che dovrebbe andare da Battistini a Casalotti in un percorso di circa tre chilometri e mezzo alla modica cifra di novanta milioni di euro. La prima funivia al mondo in orizzontale che percorrerebbe il tragitto indicato ad ...
  • Trasporti, Meleo: 67% residenti vogliono funivia - Radio Colonna - Radio Colonna 19 maggio 2017
    Radio ColonnaTrasporti, Meleo: 67% residenti vogliono funivia - Radio ColonnaRadio Colonna“Il Pums, piano urbano della mobilità sostenibile sarà pronto da qui a massimo metà dell'anno prossimo, All'interno del Pums noi disegneremo tutte le ...et plus encore »
  • Taormina, ecco la funivia con le cabine trasperenti: ma ora si ... - La Sicilia 19 maggio 2017
    La SiciliaTaormina, ecco la funivia con le cabine trasperenti: ma ora si ...La SiciliaTAORMINA - Sostituite a tempi di record le cabine della funivia. Dopo 15 giorni di stop l'impianto è stato riaperto al pubblico, ieri mattina, dopo il montaggio delle 8 nuove cabine passeggeri completamente trasparenti. L'intervento è stato realizzato ...G7: istit […]
  • Funivia Casalotti: ecco i modelli che hanno ispirato il progetto Raggi - RomaToday 18 maggio 2017
    RomaTodayFunivia Casalotti: ecco i modelli che hanno ispirato il progetto RaggiRomaTodayLa funivia urbana della Capitale, il grande sogno della sindaca, trasporterà 3mila 500 passeggeri all'ora per senso di marcia, 43mila al dì. Percorrerà tre chilometri e mezzo di tracciato in 19 minuti con due ipotesi progettuali, entrambe da quattro ...Raggi e la fun […]
  • Casapound "assalta" la funivia di Virginia Raggi - L'Huffington Post 16 maggio 2017
    L'Huffington PostCasapound "assalta" la funivia di Virginia RaggiL'Huffington PostDavide Di Stefano (S) con alcuni militanti di Casapound protestano durante la conferenza stampa della sindaca Virginia Raggi per illustrare i risultati della prima fase dello studio di fattibilita' sulla funivia Casalotti-Battistini, Roma, 16 maggio 201 […]